Category Archives: Economia e Finanza

Miglior mutuo: guida alla scelta del finanziamento

Miglior mutuo oggi: come trovare l’offerta più conveniente

Il mutuo è un impegno economico destinato, nella maggior parte dei casi, ad accompagnare il cittadino per buona parte della sua vita. Per questo è fondamentale scegliere con attenzione il finanziamento che si va a sottoscrivere, onde evitare di pagare oneri più alti del dovuto. Ma come trovare il miglior mutuo?

Sebbene non sia possibile trovare il mutuo migliore in senso assoluto, navigando sulla Rete è possibile confrontare le offerte di vari istituto di credito al fine di trovare la proposta più conveniente. Esistono infatti molti portali dedicati alla comparazione dei mutui che consentono di effettuare confronti mirati tra le varie offerte degli istituti di credito, in base alle preferenze espresse dall’utente. » Read more

Surroga mutuo ipotecario: come trasferire il mutuo a costo zero

Surroga mutuo cos’è e quali sono i vantaggi

La surroga mutuo (o portabilità) è la pratica che consente di trasferire un mutuo ipotecario dalla banca originaria a un altro istituto bancario, con il quale il mutuatario può concordare condizioni per il rimborso più favorevoli rispetto alle precedenti. Regolata dal decreto Bersani del 2007 la surroga risulta completamente gratuita per il mutuatario. Tutti i costi sono infatti a carico della banca subentrante.

Grazie alla surroga mutuo il debitore ha la possibilità di ottenere tassi d’interesse più bassi e maggiore flessibilità per il pagamento delle rate. Allo stesso tempo è possibile risparmiare sulle spese periodiche applicate dalla banca (spese di gestione, incasso rata, ecc.).

Tuttavia non è possibile ottenere nuova liquidità. L’importo concesso dalla nuova banca infatti deve essere uguale al debito residuo che la banca originaria vanta nei confronti del mutuatario. » Read more

Prestiti Inpdap Inps: finanziamenti a tan agevolato fino a 150 mila euro

Prestiti Inpdap dipendenti statali a condizioni agevolate

Oltre ad erogare servizi previdenziali, l’Inpdap offriva ai propri iscritti finanziamenti a condizioni agevolate con i quali rispondere ad esigenze di varia natura. Con la soppressione dell’ente, definita dal Decreto Salva Italia del governo Monti, tutte le funzioni dell’Inpdap sono passate all’Inps che continua a garantire i servizi dedicati agli appartenenti al settore pubblico, inclusi i prestiti Inpdap.

Ma quali sono le caratteristiche dei prestiti Inpdap Inps? Questi finanziamenti si dividono in piccoli prestiti e prestiti pluriennali. I primi consentono di accedere a somme nell’ordine di qualche migliaia di euro, con i quali far fronte ad esigenze quotidiane.

Con i prestiti pluriennali invece è possibile ottenere somme fino a 150 mila euro per rispondere a documentate necessità rientranti nelle casistiche indicate dal Regolamento Prestiti Inps. Sia i piccoli prestiti che i prestiti pluriennali sono accessibili solo a dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (Fondo credito dell’Inps). » Read more

Quotazione dei diamanti: come valutare il prezzo di un oggetto prezioso

La quotazione dei diamanti è sempre in continua crescita, infatti ad oggi è arrivata all’8 rispetto all’anno in cui è iniziata la crisi economica, ovvero il 2008. I diamanti, o gioielli realizzati con diamanti, rispetto all’oro hanno sempre avuto un trend di crescita economica molto costante e duratura negli anni rispetto al tasso dell’inflazione. Ma la domanda che si pongono i meno esperti è quella che riguarda la quotazione dei diamanti, ovvero come si può valutare un diamante. Per poter valutare un diamante è necessario seguire la regola delle 4C, ovvero le caratteristiche che rappresentano queste pietre preziose: carato, taglio, peso e purezza.

Un altro documento importante che serve per la valutazione, e la quotazione dei diamanti, è la certificazione dei diamanti. Cosa s’intende con questo termine? Con il termine certificazione dei diamanti, stiamo ad indicare un diamante certificato, ovvero ci riferiamo ad una gemma preziosa dotata di una relazione molto dettagliata che viene fornita da un laboratorio gemmologico, in cui sono elencate tutte le caratteristiche del diamante che si è acquistato o che si vorrà acquistare. Questo certificato garantisce all’acquirente il valore del diamante, e ne giustifica la quotazione. » Read more

La Ferrari Sbarca in Piazza Affari Ma Subisce la Crisi dei Mercati

Nonostante le grandissime aspettative, l’approdo della Ferrari alla Borsa di Milano non è andato esattamente come la società ed il Governo si aspettavano – complici i venti di pessimismo che sono arrivati dalla Cina e dal Medio Oriente.

Sbarcata a Piazza Affari tre mesi dopo l’esordio al New York Stock Exchange (NYSE), il titolo della Ferrari ha fatto registrare una performance non particolarmente positiva chiudendo la prima giornata in listino con un semplice +0.53%.

Al debutto sulla piazza di Milano, i titoli marchio automobilistico ritenuto uno dei grandi simboli dell’eccellenza Italiana hanno infatti terminato le contrattazioni a 43,67 Euro, una valore molto simile a quello che era stato registrato a Wall Street a fine 2015.

Il fatto che le cose non siano andate esattamente come molti analisti avrebbero voluto non deve far pensare che la FCA controllata da Marchionne abbiano fatto una mossa sbagliata,” ha spiegato l’analista finanziario specializzato in strategie per le opzioni binarie, Roberto Bande. » Read more

Broker forex: quale scegliere per i propri investimenti?

Il 2016 è cominciato tra alti e bassi per quel che riguarda i mercati finanziari. Al centro dell’attenzione degli operatori del settore c’è, come al solito, il mercato del forex quello, per intenderci, dove vengono scambiate le valute.

Ma, oltre agli addetti al settore, vi è molta curiosità per il forex anche da parte delle persone comuni attirati dagli investimenti finanziari in questo specifico settore. Non a caso i broker stanno mettendo in programma moltissimi eventi per soddisfare le richieste.

Basti pensare che nel corso dell’anno appena trascorso uno dei massimi broker forex, IG Italia,ha fatto registrare il tutto esaurito in tutti gli oltre 20 eventi organizzati nel corso dell’anno in giro per l’Italia. Un risultato in parte inaspettato, che dimostri quanta curiosità ci sia per il mondo degli investimenti e della borsa. » Read more

Prestiti, boom per la ristrutturazione della casa

Le recenti indagini statistiche relative alla richiesta dei prestiti mostrano sempre un quadro piuttosto eterogeneo dell’attuale situazione economica del paese, complice anche una mancanza di flessibilità numerica che fa il paio con un’elevata disinformazione sul contesto generale.

Ad ogni modo, ciò che sembra accomunare le varie fasce della popolazione è la richiesta di prestiti destinati alla ristrutturazione, totale o parziale, della propria casa, ritenuta, ora più che mai, l’unico bene materiale per cui valga la pena compiere qualche sacrificio finanziario di troppo. Un dato, quindi, che merita un attento, quanto accurato, approfondimento.

Nei primi mesi del 2015, i prestiti legati a ristrutturazioni immobiliari di tipo casalingo riguardano il 38,2% del totale, seguiti a ruota da quelli per l’acquisto di un’auto o di un arredamento base, fermatisi rispettivamente al 19% e al 16%. L’indagine eseguita dall’Osservatorio di Prestiti120mesi nota anche la durata dei suddetti prestiti, con i 60 mesi che scalzano i 36 mesi dal primo posto di questa speciale classifica economica. » Read more

Come funziona il mercato azionario

Il mercato azionario è molto complesso perché mette in relazione un numero veramente elevato di soggetti che vogliono effettuare operazioni tra di loro. In sostanza esso è un luogo ideale in cui vengono scambiati i titoli azionari delle varie società che sono quotate nei mercati regolamentati.

L’azione rappresenta proprio una porzione del capitale sociale dell’azienda e permette, a chi la possiede, di essere identificato come socio della stessa. Esistono vari tipi di azioni, tuttavia in linea di massima esse offrono al titolare alcuni vantaggio di tipo amministrativo ed economico. In sostanza si avrà diritto di voto nelle assemblee e la possibilità di avere un dividendo alla fine dell’anno. Questa definizione è abbastanza semplicistica ma serve a rendere l’idea. » Read more

Ritocchi di bilancio a Quarrata: si salvano le rendite catastali

A Quarrata, in provincia di Pistoia, è prevista una revisione del bilancio 2015, con ribassi dal 2,5 al 2,3 per mille. L’aliquota delle aree a pianificazione differita, però, resta ai massimi livelli.

Il quadro

Nel comune pistoiese scendono le aliquote di Tasi e IMU, provocando un calo delle entrate da 350mila euro. Tuttavia, i costi legati alle aree di pianificazione differita (le zone non ancora edificate) restano molto alti. Questo è il riassunto della commissione affari generali, riunitasi ai primi di luglio. Dal consiglio comunale emerge il timore che i cittadini non beneficeranno molto di questi tagli, almeno non tanto quanto avrebbero potuto se le riduzioni fossero state fatte altrove.

Le aree a pianificazione differita

È il caso delle Aree a Pianificazione Differita, sulle quali grava l’aliquota massima, pari al 10,6 per mille. Queste zone difficilmente saranno edificabili, eppure il regolamento urbanistico è decaduto da più di un anno e alle apd non è stata riassegnata nessuna nuova destinazione urbanistica.

I numeri

Stando alle previsioni dell’ultima commissione degli affari generali, la tassa sui servizi indivisibili per la prima casa scenderà da 2,5 a 2,3 per mille, mentre per l’IMU si ha quanto segue:

Sui comodati d’uso delle seconde case ci sarà un calo dall’8,6 al 7,6 per mille.

Sui laboratori artigianali e sui negozi stessa cosa, ma solo se il proprietario del fondo vi svolge l’attività lavorativa.

Sui capannoni resta l’aliquota del 9,6 per mille, ed è proprio qui, invece, che avrebbero dovuto essere applicate le riduzioni, perché i terreni sono difficilmente locabili.

Rendite catastali, l’unica nota positiva

In tutto ciò, sono le rendite catastali al di sotto dei 300 euro a beneficiare effettivamente di un’agevolazione. Le famiglie sono state escluse dalla revisione del bilancio, quando invece ci sarebbe stato bisogno di riduzioni calcolate sulla base dell’Isee (Indicatore della situazione economica equivalente).

La politica…

Da un partito arriva la voce che il sindaco, a fronte degli aumenti dell’anno scorso, avesse deciso per la riduzione del gettito per 350mila euro. Sembra che con questi cali ci sia stata una risposta alle numerose osservazioni mosse, fra cui il peso troppo alto sul comodato d’uso. Anche i fondi commerciali sono stati colpiti ed è stato fortemente sottolineato che su di essi si sarebbe potuto agire meglio. La difficoltà di affittare è alta e questi fondi rischiano di causare solo delle uscite, senza che ci siano entrate a bilanciarle.

Più o meno invariata resta la situazione per quanto riguarda la tassa sui rifiuti, che ha registrato un calo di 65mila euro.

Le fasi fondamentali per aprire una nuova attività

Da sempre il commercio è alla base della vita sociale: la nascita di nuove attività è stata fondamentale fin da quando sono cominciate a sorgere le città e prima ancora nei paesi. Oggi senza il commercio non esisterebbe nessuna città, tutto è basato su quello e nessuno può far a meno di acquistare beni e risorse necessarie per il proprio sostentamento e per la vita di tutti i giorni.

Aprire una nuova attività però, presuppone che ci siano dei requisiti: in mancanza di essi sarebbe impossibile poterne aprire una. In questo articolo parleremo degli aspetti più importanti per iniziare una nuova attività.

Per prima cosa è necessario decidere che tipo di attività si vuole svolgere: una volta deciso questo di conseguenza sarà possibile capire quale tipo di documentazione sarà necessaria per il corretto avviamento del nuovo negozio. Una distinzione fondamentale riguarda attività che hanno come oggetto beni di consumo a livello alimentare e negozi che invece si occupano solo di vendere per esempio degli abiti: i primi avranno ovviamente bisogno di molti più permessi e non basterà la semplice comunicazione al proprio comune di inizio attività.

La Partita IVA

Dopo che si è deciso che tipo di attività svolgere e che ci si è informati correttamente su ciò che serve per poter iniziare, è necessaria l’attribuzione partita iva. La partita iva è di fondamentale importanza per l’imprenditore che si accinge ad aprire una nuova attività: senza non sarà possibile in alcun modo farlo, in quanto senza non si è imprenditori.

Con la partita iva, infatti, gli imprenditori potranno e dovranno versare l’iva allo Stato. Per aprire la partita iva è richiesta l’iscrizione all’INPS e all’INAIL. La domanda per ottenere la partita iva viene fatta attraverso dei moduli che vengono forniti dall’Agenzia delle Entrate e che sono disponibili gratuitamente anche sul sito.

Detto questo, possiamo dire che è possibile cominciare a richiedere i permessi per l’apertura del proprio negozio; per ogni attività variano, ma generalmente se non si intendono vendere prodotti particolare e generi alimentari, basterà soltanto comunicare al proprio comune l’inizio dell’attività.

1 2 3